“Non studio più, adesso sparo e basta” Storia di Jessica, la più brava del mondo

«Che fai?». «Sparo». La battuta che parrebbe uscita dalla colt di Clint Eastwood o dalla penna di Raymond Chandler è, invece, l´incipit del romanzo d´una ragazza di Crevalcore innamorata del fucile, che a 17 anni s´è ritrovata campionessa del mondo. Jessica Rossi ha una sola passione: frantumare piattelli. Stando ai risultati, ha ragione da mietere. In un mese ha stravolto le regole del tiro a volo, cogliendo i titoli europeo e mondiale, impresa mai riuscita in cent´anni ad un germoglio così tenero. «Ho cominciato a 8 anni – attacca lei, immersa nelle fragranze d´un agriturismo toscano dove ricarica le batterie, in vista del campionato italiano del 6 settembre – , con un fucile, all´epoca, più alto di me. Un metro e venti per tre chili e mezzo, ma mio padre Ivan era stato campione nazionale. E questo mi condusse lì».

Jessica è un tipo tosto, sicuro, glaciale. Ti fissa come fossi un piattello cui sparare, anche se, ammette, tutto è stato vissuto, fin qui, senza pressioni. «Ho affrontato il Mondiale a cuor leggero, mentre il difficile verrà ora, quando tutti mi chiederanno conferme». Ascoltandola, non si fatica a capire perché, così giovane, svetti nel tiro a volo, dove contano «l´esperienza, la concentrazione, la capacità di reggere la pressione». La freddezza è la virtù cardinale, per resistere alle guerre psicologiche che, in uno sport di delicati equilibri, si scatenano tra avversarie forse invidiose. La sua progressione è uno spartito cadenzato dal ritmo dell´inevitabile, come il Bolero di Ravel.
«Prima gara, a 12 anni, vinta. Seconda gara internazionale, in Germania, vinta. Terza gara con la nazionale, il mondiale juniores, vinta». Al ritmo di 25.000 cartucce l´anno, scaricate nel campo d´allenamento di Conselice, nelle prossime due stagioni Jessica inseguirà la carta olimpica per Londra 2012, dove sarà una gemma del diadema azzurro, avanzando, intanto, un´intrigante domanda sulla parità uomo-donna, almeno in agonismo. «Alle Olimpiadi di Barcellona ’92 la cinese Zhang Shan fece 200/200 contro gli uomini. Da allora le gare furono separate, nonostante la componente fisica non sia la più importante. Poi: perché noi donne gareggiamo su 75 tiri mentre gli uomini su 125?».
Allo spot per le pari opportunità non ne fa seguito uno per la scuola e per l´educazione dello sportivo. A chi non l´ha condivisa, nella scelta di abbandonare i libri al secondo anno di ragioneria, replica, la cecchina: «Sono sincera: ho lasciato perché non avevo mezza voglia e, in quel periodo, la scuola mi causava uno stress pazzesco, avevo anche 39 di febbre. I professori non capivano i miei sforzi, nonostante mostrassi loro le lettere di convocazione della nazionale. Conosco tiratori laureati, dunque il problema non siamo noi atleti, ma chi non fornisce agevolazioni agli sportivi. Il tiro è il mio lavoro. Quest´anno ho guadagnato 90.000 euro e pratico uno sport che garantisce longevità. Andrea Benelli ha vinto a 44 anni l´oro ad Atene. Io conto di entrare al più presto nel gruppo sportivo dei Carabinieri». Non la spaventa l´idea di passare ancora un quarto di secolo sparando ai piattelli, né pare sfiorarla il rischio di fare da cattivo esempio di incompatibilità tra banchi e sport. Sterrata o asfaltata che sia, Jessica tira dritto per la sua strada, convinta che il suo non sarà uno sparo nel buio.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *