Storia

La fondazione del castello

Del toponimo Crevalcore sono state fornite diverse e contrastanti spiegazioni etimologiche; la più antica di cui si abbia notizia risale al XVI secolo ed è di Carlo Sigonio: “Castrum alterum Crepacorium ad disrumpendum cor hostium munivere”[1]. Con l’espressione “castrum alterum” il Sigonio si riferisce alla costruzione di un secondo castello (l’attuale Crevalcore) compiuta dal Comune di Bologna fra il 1226 e il 1231 dopo la completa distruzione del precedente ad opera delle truppe dell’imperatore Federico II nel 1219. Sul versante letterario il Tassoni inventa una spiegazione ancor più allettante e fantasiosa: “Già vi fu morto Pansa e dal dolore nominata dai suoi fu Grevalcore”[2] riferendosi a un episodio delle guerre civili del 43 a.C., la cosiddetta “guerra di Modena”.

Della diffusione di un’etimologia legata alla parola cuore fa fede anche lo stemma del paese (tre cuori rossi in campo bianco) e ancor più il fatto che dopo la ricostruzione del 1231 il nome fu mutato in quello beneaugurale di Allegralcore. Una spiegazione etimologica più fondata collega invece il nome all’espressione latina crepa(tum) corium cioè pelle, scorza crepata, a designare una zona, al limite delle valli, in cui il ritirarsi dell’acqua nei periodi estivi produceva le tipiche screpolature dei terreni paludosi. La prima menzione certa del toponimo Crevalcore è in un documento del 1130 pubblicato dal Tiraboschi dove si parla di “casamentum unum juris Sancti Silvestri in castro Cravacuore”[3].

Il castrum non sorgeva però nel luogo attuale, ma a poca distanza dai ruderi del più antico castello di Fultignano, già in rovina nel 1017, che si può ritenere facesse parte del sistema difensivo bizantino lungo il confine del Panaro. In alcune mappe secentesche dell’Assunteria ai confini e alle acque del Comune di Bologna (Bologna, Archivio di Stato) sono ancora indicate, in località Guisa, le vestigia di Crevalcore vecchio. Nonostante residui margini di incertezza derivanti dalla mancanza di recenti e approfonditi studi sull’argomento, l’origine di Crevalcore potrebbe così essere ricostruita: nei pressi dei ruderi di Fultignano il Comune di Bologna, avviato alla conquista del contado, intorno al 1130 costruì il primo castello in territorio appartenente all’Abbazia nonantolana che proprio in quegli anni, essendo in conflitto con Modena, si era consegnata ai bolognesi; tale castello fu diroccato nel 1219 nel corso delle guerre intraprese da Federico II per riaffermare l’autorità imperiale.

I bolognesi lo ricostruirono (1231) 3 km a nord-ovest in posizione più prossima al Panaro (che allora scorreva lungo l’attuale via Argini) in forma quadrata con un impianto urbanistico regolare. Al nuovo castrum (chiamato “Crevalcore nuovo” in una carta del 1231 del Registro nuovo del Comune di Bologna)[4] fu mutato il nome e si chiamò Allegralcore mentre il castello diroccato venne chiamato Crevalcore vecchio. “Allegralcore” non riuscì però ad attecchire e a un secolo di distanza si ritornò, anche nei documenti ufficiali, all’antica denominazione.

Il castello non ebbe vita facile; per richiamarvi gente dalle zone limitrofe allo scopo di disporre di un maggior numero di braccia per la difesa furono concesse esenzioni fiscali che ne fecero un “borgo franco”, ma nel 1239 nuovamente fu investito dalle milizie di Federico II, occupato e incendiato. Dopo un’ulteriore ricostruzione il Senato bolognese considerò l’opportunità di un più rapido collegamento con Bologna che avrebbe permesso l’invio di rinforzi con maggiore celerità; tra il 1245 e il 1250 fu tracciata la nuova strada che, congiungendo in linea retta Borgo Panigale con Persiceto e Crevalcore, prese il nome di Persicetana. Alla fine del XIII secolo si fecero ulteriori opere di fortificazione e venne rafforzata la guarnigione di stanza nel castello a causa delle lotte con gli Estensi, insediatisi a Modena nel 1289. Il XIV secolo fu particolarmente ricco di scontri, assalti, colpi di mano, sia nelle contingenze delle lotte tra Geremei e Lambertazzi sia a causa dell’occupazione viscontea.

I Pepoli, cedendo il dominio di Bologna ai Visconti, si erano riservati i castelli di Persiceto e Crevalcore, ma Giovanni da Oleggio, che governava a nome dell’Arcivescovo Giovanni Visconti, imprigionò Jacopo Pepoli e si fece consegnare i due castelli. Deciso a recuperare Bologna, di cui l’Oleggio si era proclamato signore nel 1359 dopo la morte dell’Arcivescovo, Bernabò Visconti, giunto con un esercito, prese Crevalcore; Bologna era stata nel frattempo ceduta al Papa e il Legato pontificio, cardinale Egidio Albornoz, si era attestato a Persiceto. Per alcuni anni si ebbe una situazione di tensione con scaramucce e scontri finché, avendo la meglio le truppe pontificie, il Visconti fu costretto a ritirarsi. A Crevalcore si svolsero nel 1364 le trattative di pace, concluse con la cessione del castello al Legato. La minaccia viscontea si riaffacciò con maggior vigore nel 1385, dopo l’ascesa al potere di Giangaleazzo: Crevalcore fu teatro di importanti fatti d’arme nel 1390, tra l’esercito del duca e Alberico da Barbiano, comandante delle truppe bolognesi. Nel 1389, in previsione di un attacco visconteo, essendo il più esposto dei castelli bolognesi, era stato nuovamente fortificato, rinforzato il palancato di travi che lo cingeva e rinsaldato il terrapieno.

Furono anni convulsi: nel 1403 si arrivò alla pace seguita, a Crevalcore, da otto anni di dominio estense. Dopo la cacciata del legato pontificio (1411) si accesero estremamente aspre le lotte tra le fazioni dei Bentivoglio e dei Canetoli i quali, avendo a Crevalcore folte schiere di partigiani, usarono il castello come base operativa nel vano tentativo di impadronirsi del potere. Solo al consolidarsi definitivo della signoria bentivolesca ebbe inizio un lungo periodo di pace. Ciò rese possibile una serie di risistemazioni idrauliche chi sortirono l’effetto di ridurre l’estensione delle valli e acquistare alla coltura nuovi terreni. Fra le opere idrauliche di maggior rilievo va annoverato lo scavo del Cavamento Foscaglia, gettantesi in Panaro all’altezza di Finale, per il quale si rese necessaria una trattativa con gli Estensi.

L’organizzazione del territorio

Tutto il territorio, nonostante fosse passato dal 1130 sotto il dominio di Bologna, era rimasto di proprietà dell’Abbazia nonantolana che lo gestiva concedendolo in enfiteusi ai terrazzani. Nel Trecento però l’Abbazia era in decadenza e la concessione in enfiteusi serviva ormai a mascherare vere e proprie alienazioni. Si trattava di terreni in larga parte incolti; nel 1312 gli abitanti di Crevalcore ottennero un’area a est del castello che diede origine a una partecipanza, di cui resta il ricordo nel toponimo Beni Comunali. Anche i Pepoli ottennero dalla Badia una concessione enfiteutica, punto di partenza per la formazione di un patrimonio terriero di entità notevolissima che comprendeva quasi per intero l’estensione delle valli.

Nel 1578 il conte Giovanni Pepoli, complice il Consiglio della Comunità, usurpò una quota dei beni della Partecipanza, che entrò in crisi, come risulta da due volumi di cabrei conservati nell’Archivio comunale, nel XVII secolo. I Pepoli possedevano a Crevalcore oltre 3.000 ettari, per un totale di circa 150 poderi coltivati da altrettante famiglie mezzadrili. I poderi erano organizzati in cinque imprese facenti capo ad altrettante ville, attorno alle quali spesso si sviluppava un borgo con artigiani, botteghe, chiesa, ecc.

Le più antiche sono: Galeazza, il cui nucleo primitivo era costituito dalla poderosa torre trecentesca costruita da Galeazzo Pepoli, e Palata, dove fu costruito un palazzo-castello che suscitò, verso il 1540, l’entusiastica ammirazione di fra Leandro Alberti che disse: “Et più giù caminando, alla Palada, incontrasi nel principiato edificio del magnifico Conte Philippo de Pepoli, il qual finito traa li nobili e radi edifici della Italia computare si potrà”[5].

Più modeste erano invece le ville della Filippina, Guisa, Ca’ de Coppi. Ma anche altre nobili famiglie si insediarono nel Crevalcorese, grazie a concessioni enfiteutiche, nel XV secolo. Fra queste le più importante erano i Bevilacqua, i Bolognini e i Caprara. Il territorio assunse in tal modo una fisionomia ben definita: a sud, nelle immediate vicinanze dei castello, entro le maglie ancora visibili della centuriazione romana, esisteva una zona di proprietà frazionata e di poderi di piccole dimensioni; a nord, c’era una zona in cui prevaleva la grande proprietà in mano a famiglie nobiliari bolognesi che investivano in beni immobili i patrimoni accumulati nel secolo precedente in attività bancarie o mercantili.

La piccola proprietà era tuttavia sottoposta, specialmente nel Cinquecento, a una progressiva erosione a vantaggio delle proprietà nobiliari, conservatesi sostanzialmente intatte fino al secolo scorso (i Caprara vendettero le loro terre intorno al 1820; ai Pepoli subentrarono i Torlonia verso il 1870).

Un episodio bellico di rilievo accadde nel 1643 durante guerra per il ducato di Castro: ne restano due incisioni che mostrano l’assalto dell’esercito della lega farnesiana e sono fra le immagini più antiche dell’iconografia crevalcorese dopo il disegno del manoscritto Gozzadini[6]. Il castello viene raffigurato con dovizia di particolari, suddivisi nei suoi 32 isolati, con quattro bastioni agli angoli, le porte, i ponti levatoi, il largo fossato colmo d’acqua del canal Torbido. Fu probabilmente in questa circostanza che venne demolita la chiesa di S. Martino in Cozzano, citata già nei documenti dell’XI secolo. È forse l’ultima volta che la struttura difensiva castrense venne messa alla prova. Nel secolo seguente il fossato, senza più manutenzione, si interrò e diventò luogo di scarico per i rifiuti, tanto che nel 1855 il medico Federico Rossi, attestandone l’insalubrità, ne raccomandò il riempimento.

Gli ultimi due secoli

Se nel ‘700 la vita crevalcorese appare consumarsi nella tranquillità del quotidiano, scandita dal lento succedersi delle processioni religiose (tale almeno è l’immagine consegnataci da una cronaca di Stefano Maria Setti)[7] e non toccata che marginalmente da un episodio militare della guerra di successione austriaca (battaglia di Camposanto, 8 febbraio 1743), gli avvenimenti del 1796 le conferiranno un’impronta decisamente più dinamica. Con la creazione della Repubblica Cispadana il paese fu incluso nel dipartimento dell’Alta Padusa che ebbe per capoluogo Cento, ma i cambiamenti di maggior rilievo sotto il profilo economico furono dati dalla soppressione delle Compagnie religiose (dei Battuti, dei Poveri, del Rosario, del Sacramento, dell’Immacolata Concezione), quasi tutte titolari di un patrimonio immobiliare di una certa entità.

Si formò un ceto di proprietari terrieri locali dai connotati decisamente borghesi e si instaurò un clima nuovo che non verrà meno neppure dopo la Restaurazione. La creazione di una scuola pubblica (1824) e l’erezione dell’Ospedale Barberini furono tra gli eventi più importanti della prima metà dell’Ottocento; fu tuttavia l’edilizia privata che ricevette particolare impulso in tale periodo con il rinnovo di molti palazzetti prospettanti sul corso principale. Meno sporadiche si fecero, intorno alla metà del secolo, le notizie riguardanti professionisti particolarmente attenti ai problemi sociali o culturali; il citato Federico Rossi fu autore di un “Abbozzo di Topografia medica del comune di Crevalcore”, mentre il centese Gaetano Atti fondò una “Scuola di Umanità e Rettorica”[8].

Questi gruppi emergenti, sospetti di liberalismo alla polizia papalina, offrirono il loro contributo alla causa dell’unità nazionale e dopo i plebisciti del ’59 si affacciarono alla gestione della cosa pubblica con energie nuove. Il paese, che riprese a chiamarsi Crevalcore, dopo che un decreto papale del 1857 gli aveva inopinatamente imposto il nome di Buonocore, fu per un breve periodo (dicembre ’59 gennaio ’61) aggregato alla provincia di Ferrara.

Mentre fu sindaco Antonio Michelini (1863-72) vennero costruiti il nuovo municipio e il cimitero, poco più tardi il Teatro Comunale e l’asilo infantile (1881, con un lascito dell’ing. Camillo Stagni). Tra il 1870 e il 1874, sia per motivi igienici sia per ragioni di decoro ambientale, vennero riempite le antiche fosse e spianati i terrapieni difensivi. Ciò permise di dar lavoro a un grande numero di braccianti allentando momentaneamente le tensioni sociali. Scarsità di lavoro e aumento della popolazione provocarono nell’ultimo trentennio del secolo l’emigrazione di un buon numero di famiglie verso il continente americano, intanto nacquero forme di solidarietà collettiva come la Società Cooperativa di Consumo (1874) e la Società di Mutuo Soccorso fra Artigiani ed Operai (1883). Il partito Socialista ottenne subito una nutrita schiera di adesioni, tali da portarlo, nel 1906, alla conquista del Municipio. Il clima politico si surriscaldò: nel 1909-10 una catena di scioperi decisi dalle organizzazioni socialiste, in accordo con la Lega dei Barrocciai, causati dal rifiuto della classe padronale di concedere aumenti salariali, portò all’erezione di barricate nelle vie cittadine e all’intervento di una compagnia della Regia cavalleria, che per una settimana tenne Crevalcore in stato d’assedio. Il progetto di bonifica delle valli, elaborato nel 1911 con la creazione del Consorzio di Bonifica Cavamento Palata, avrebbe dovuto servire a creare nuove occasioni lavorative, ma non decollò che nel 1918, in una situazione ben presto resa esplosiva per gli scioperi e la reazione del padronato che aveva preso a finanziare le prime bande fasciste. L’amministrazione socialista era stata particolarmente attiva nel settore dei servizi: al 1912 risale l’impianto della prima cabina elettrica; al 1913-14 risale la costruzione dell’acquedotto; nel ’15-’16 vennero edificate le scuole elementari, che servirono come ospedale militare dopo la ritirata di Caporetto.

Il 28 aprile 1921 una banda di squadristi attaccò il Municipio per intimidire l’amministrazione e nel maggio 1922 questa fu definitivamente costretta a dimettersi. Nello stesso periodo i fascisti occuparono la Casa del Popolo (costruita di fronte al Teatro Comunale nel 1908 mediante azioni acquistate dai soci) e la destinarono a sede del fascio. Con la liquidazione del movimento cooperativo fu completato lo smantellamento dei centri di aggregazione operaia e l’opposizione al regime soffocata. Durante il ventennio venne pressoché completata la bonifica delle valli e si intraprese qualche tentativo di edilizia popolare, ma complessivamente l’amministrazione podestarile non sembrò andare oltre una gestione sostanzialmente conservativa.

Il dopoguerra fu caratterizzato dal ritorno all’amministrazione di sinistra e dal riesplodere delle lotte bracciantili che, almeno per tutti gli anni ’50, segnarono il lento cammino di un’economia ancora sostanzialmente agricola verso forme di organizzazione produttiva più moderne.

Be Sociable, Share!